Glossario Ortopedico

 

 

Search for glossary terms (regular expression allowed)
Begin with Contains Exact term
Term Definition
Antigene HLA-B27

Antigene (Vedi) istiocitario di istocompatibilità.

Antiversione

Torsione eccessiva in avanti di un segmento osseo, per esempio del collo del femore rispetto alla diafisi (Vedi angolo di declinazione (o di torsione del femore). (lat. antevertere: passare avanti).

Apert, Sindrome di

Malattia congenita caratterizzata da deformità facciali associate a tipiche anomalie della mano, ritardo mentale e anomalie degli arti inferiori e dei visceri. L’affezione delle mani è bilaterale con sindattilie complesse di tutte le dita compresa, in molti casi, una membrana digitale che unisce il pollice all’indice. Sin.: Macroencefalo-sindattilia.

Aplasia

Mancanza o sviluppo incompleto di un organo o di un tessuto. (gr. alfa privativa; plássein: formare).

Apley, Manovra di

Serve per differenziare una lesione legamentosa da una lesione meniscale. A paziente prono con ginocchio flesso a 90° e la coscia ben fissata su lettino da visita. Si comprimono indirettamente i menischi esercitando una forza compressiva manuale sul piede e contemporaneamente si ruota la tibia all’interno e all’esterno. Se un menisco è rotto e intrappolato fra condili femorali e piatto tibiale, la rotazione provoca dolore. La seconda parte della manovra si esegue nello stesso modo ma esercitando una trazione della gamba verso il
soffitto in modo da allungare le strutture capsulo-legamentose. In questo caso la comparsa di dolore indica una lesione dei legamenti collaterali.

Apofisi Anulare Vertebrale

Ispessimento periferico lungo tutto il margine (e perciò anulare) dei piatti cartilaginei superiori ed inferiori dei corpi vertebrali, definito anche con il termine lamina marginale. Costituisce un centro secondario di ossificazione. Si presenta alla rx-grafia come un difetto osseo a gradino in corrispondenza degli angoli dei corpi vertebrali in cui, verso il decimo anno di età, compare il nucleo di accrescimento apofisario. Viene definita erroneamente anche epifisi anulare (vedi Piatto di Accrescimento Vertebrale).

Appendicolare

Dicesi di struttura o organo (arti) che si presenta come un’appendice cioè aggiunta. (lat. appendix-appendicitis, da pendêre).

Aprassia

Incapacità a compiere movimenti coordinati semplici pur in presenza di forza muscolare conservata e in assenza di paralisi. (gr. apraksia da alfa privativa e prássein: operare).

Aracnodattilia

Dita delle mani e talvolta dei piedi abnormemente lunghe e sottili caratteristiche dei paz. Con sindrome di Marfan (Vedi) (gr. arachné, ragno; dáctylos, dito).

Arco Neurale

Parte posteriore della vertebra, formata dalle lamine e dai peduncoli. Sin.: Arco Vertebrale.

Articolazioni Uncovertebrali

Articolazioni delle ultime cinque vertebre cervicali da C2 – C3  a  C6 – C7  formate tra uncus (processo uncinato) (Vedi) della vertebra inferiore e le superfici laterali e inferiori della vertebra soprastante. Sin.: Articolazione di Luschka.

Arto Fantasma

Sensazione degli amputati che sentono ancora i segmenti dell’arto amputato come se facessero ancora parte del corpo.

Artrite Psoriasica

Malattia articolare infiammatoria presente in circa il 7% dei pazienti affetti da psoriasi ma che può essere presente anche nei soggetti senza le manifestazioni cutanee della psoriasi. Colpisce le piccole articolazioni delle mani e dei piedi e perciò può essere confusa clinicamente con l’artrite reumatoide. Può essere altamente destruente. (gr. árthron: articolazione; itis: infiammazione; psoriasis: scabbia, da psen: grattare).

Artrite reumatoide giovanile

Sinovite cronica dei bambini ad esordio prima di 16 anni ed a remissione completa nel 75% dei casi, che probabilmente comprende diversi processi patologici. I sottogruppi riconoscibili sono: malattia ad inizio sistemico (20%), poliartrite reumatoide siero-negativa (25%), poliartrite reumatoide siero-positiva (5%), pauciartrite associata ad anticorpi antinucleo e iridociclite cronica (30-35%), pauciartrite associata a sacroileite e HLA-B27 positivo (10-15%). La poliartrite reumatoide siero-positiva sembra essere l’equivalente infantile della classica artrite reumatoide dell’adulto. La pauciartrite associata a HLA-B27 sembra essere strettamente legata alla spondilite anchilopoietica (Vedi). Sebbene non vi siano test diagnostici di laboratorio, i vari sottogruppi differiscono dal punto di vista immunogenetico come pure nel quadro clinico e nella prognosi. Chiamata anche Morbo di Still (ingl. Juvenile Reumatoid Arthritis).

Artrocatadisi

Protrusione intrapelvica del pavimento dell’acetabolo, associata ad approfondimento della testa del femore nella cavità troppo profonda. Sin.: coxa protrusa, coxa profunda, protrusio acetabuli. (gr. árthron: articolazione; katá: giù).

Artrocentesi

Aspirazione del liquido (idrartro o emartro) con un ago da uno spazio articolare. (gr. árthron: giuntura; kentesis: puntura).

Artroclasia

Rottura chirurgica di una anchilosi per aumentare l’ampiezza dei movimenti articolari. (gr. árthron: giuntura; clasia o clastia da klao: rompo).

Artrodesi

Intervento chirurgico di fusione delle superfici articolari con lo scopo di stabilizzare un’articolazione e/o di eliminare il dolore. Si esegue asportando la cartilagine articolare fino ad esporre l’osso subcondrale; quindi dopo aver giustapposto le superfici cruentate, queste vengono immobilizzate con l’uso di tecniche di fissazione interna e/o esterna per ottenere la fusione ossea. (gr. árthron: articolazione; désis: legatura).

Artrofibrosi

Cicatrizzazione fibrosa e aderenze in un’articolazione con conseguente perdita, generalmente non completa, di movimento. Definita anche anchilosi fibrosa o anchilosi falsa. (gr.árthron: articolazione; lat. fibra; gr. osis: condizione).

Artrogriposi (o Artrogrifosi) congenita multipla

Sindrome congenita caratterizzata da rigidità articolari multiple, associata talvolta ad atrofia o assenza della muscolatura e a lussazioni, apparentemente non genetica, viene riferita a fattori neurogeni, miogeni, scheletrici e ambientali. In genere non sono presenti alterazioni della sensibilità e delle funzioni cognitive cerebrali superiori. (gr. grypos: curvo; osis: condizione).