Glossario Ortopedico

 

 

Search for glossary terms (regular expression allowed)
Begin with Contains Exact term
Term Definition
Carico

L’insieme delle forze applicate ad una struttura come somma dei carichi fissi e di quelli accidentali. L’unità di misura della forza è il newton.

Cartilagine a Y

Nome descrittivo della cartilagine triradiata della pelvi in accrescimento a forma di Y, formata dalla convergenza delle fisi (Vedi) delle tre ossa del bacino (ilio, ischio e pube).

Cartilagine di accrescimento

Vedi Fisi.

Cartilagine triradiata
Caudale

Dicesi di un organo o di una parte di esso inferiore rispetto ad un altro. Letteralmente “verso la coda” (verso il coccige). Riferito, in genere, alle strutture assili (Vedi) più che a quelle appendicolari (Vedi).

Causalgia

Dolore urente, prolungato dalla lesione di un nervo periferico, che può essere associato ad alterazioni trofiche della cute (arrossamento e sudorazione) della regione interessata. Il dolore può essere esacerbato dai più piccoli stimoli come sfioramento, pressione, movimento, o da emozioni. (gr. kausis-kauseos: bruciatura).

Cavismo

Deformità del piede in cui la volta plantare longitudinale è accentuata (opposto piattismo). Nel linguaggio non scientifico viene indicato con il termine “collo piede alto”.

Cefalico

Dicesi di parte o di organo che ha rapporti con la testa, o è in prossimità o dalla parte della testa. Confronta Caudale. (gr. kephalikós, da kephalé).

Cellule dell’osso
Cellule LE

Anticorpi e anti-DNA presenti nel lupus eritematoso sistemico.

Chance, Frattura di

Frattura vertebrale localizzata in sede dorso-lombare (da T11 a L4, ma molto spesso in L2 o L3). La rima di frattura decorre da dietro in avanti sul piano orizzontale attraverso l’apofisi spinosa, i peduncoli e il corpo vertebrale. Si verifica per un meccanismo di flessione distrazione quando il bacino e la colonna lombare bassa sono ancorati in una posizione fissa (come da cintura automobilistica). La frattura è generalmente stabile ma spesso è associata a lesioni viscerali addominali. Prende il nome dell’Autore (Chance) ma era stata già descritta
da Böhler.

Charcot – Pierre Marie -Tooth; Malattia di, Sindrome di

Neuropatia sensitiva motoria e ereditaria. Vedi Atrofia Muscolare Peroneale.

Charcot, Malattia di

Degenerazione progressiva di un’articolazione con formazione di detriti, frammentazione ossea, sublussazione o lussazione spontanea. Il tutto senza dolore e quindi in progressione fino a gravi deformità. Viene messa in rapporto a tabe dorsale, talvolta a diabete, siringomielia, lebbra. Sin.: Artropatia di Charcot, Artropatia neuropatica, Articolazione di Charcot.

Cheilotomia

Procedura chirurgica per la rimozione di speroni, osteofiti e ossa della regione periarticolare. (gr. kéilos: labbro; témnein: tagliare).

Chemionucleolisi
Procedura chirurgica di disintegrazione del nucleo polposo erniato del disco intervertebrale mediante l’iniezione di un enzima proteolitico, come chimopapaina o collagenasi. L’enzima scioglie i mucopolisaccaridi del nucleo, ne riduce la dimensione e diminuisce il contenuto dell’acqua abbassando così la pressione nel disco e diminuendo la sua azione compressiva sulla radice nervosa. La chimopapaina non è inclusa nella Farmacopea italiana. (lat. nucleus da nux-nucis: noce; gr.l. (lat. nucleus da nux-nucis: noce; gr. lýein: sciolgo).
 
 
Chevron, Osteotomia di

Osteotomia a V nel piano coronale (Vedi) della prima testa metatarsale, che si esegue per correggere l’alluce valgo. I vantaggi di questa osteotomia sono la stabilità intrinseca, la conservazione della lunghezza del metatarso e la sua sede in osso spongioso.

Chiari, Osteotomia di

Osteotomia extra-articolare dell’osso innominato a livello del margine superiore dell’acetabolo con medializzazione del frammento osteotomico inferiore contenente il cotile in modo da creare un appoggio alla testa del femore che ne è privo per mancato sviluppo del tetto del cotile nella displasia congenita dell’anca. Sin. Osteotomia innominata di Chiari. (gr. ostéon: osso; temno: tagliare).

Chiodo endomidollare

Chiodo metallico inserito nel canale midollare di un osso tubulare per la osteosintesi di fratture diafisarie. Il chiodo può essere rigido o flessibile, diritto o curvo, cavo o pieno, e può avere varie forme tra cui la forma a trifoglio, cilindrica, ecc. (Chiodo di Küntscher, Hansen, Enders, Marchetti, ecc.).

Chopart, Amputazione di

Amputazione del piede attraverso l’articolazione mediotarsica.

Cifosi

Angolazione a convessità posteriore della colonna vertebrale. A livello dorsale la cifosi è fisiologica fino a circa 35-40°. La curva opposta si definisce Lordosi. (gr. kyphosis: gobba da kyphos: incurvato).